Mangiatori Di Uomini

La fame può portare anche le persone più rette alla disperazione. I Mangiatori-di-Uomini erano originariamente un culto cannibale all'interno della tribù Bone Gnawers; molti dei loro proseliti erano Garou che avevano ceduto alla frenesia qualche volta di troppo. Grazie alla vigilanza ed ad alcuni riti particolarmente ingegnosi, i Bone Gnawers hanno fatto a pezzi ogni organizzazione riconducibile a questa società nascosta tra le varie sept; dopo l'incidente accorso alla sept Dandelion Hill nel 1996 (come descritto altrove) un bel po' di Bone Gnawers hanno sistematicamente cacciato e ucciso i loro fratelli antropofagi. Ciò non di meno, i Mangiatori-di-Uomini continuano a esistere. Malgrado i Theurge abbiano sviluppato il rito della Contaminazione da Uomo per cercare i Garou che abbiano consumato carne umana, i Mangiatori-di-Uomini hanno risposto diventando più abili e più circospetti nei loro metodi; pochi sono tanto stolti da aggregarsi ad una sept, sebbene ogni città maggiore potrebbe dar rifugio ad uno o due di essi presso le Canaglie del posto.
C'è, comunque, almeno una brutale eccezione che testimonia come questi macabri lupi mannari possano ritrovarsi in grandi numeri: i Mangiatori-di-Uomini del Cairo. All'insaputa del resto della tribù, lo scoppio virulento d'una malattia chiamata Febbre dello Sciacallo ha infettato la popolazione dei Bone Gnawer del Cairo con una lancinante fame di, tra le altre cose, carne umana. Sebbene la febbre sia passata, il bisogno disperato è rimasto, con il risultato che il Cairo è diventata la base della più grande concentrazione mai vista sinora di Mangiatori-di Uomini. Ovviamente questo sarebbe fonte di terribili preoccupazioni nel resto della tribù… se ne venissero a conoscenza.