Riti di Morte

I Garou celebrano i riti di morte sia per onorare i defunti che per riaffermare la loro connessione al ciclo di vita, morte e rinascita. Affrontando e riconoscendo che la morte è una necessaria parte della danza della vita, il branco e la sept si liberano dai debilitanti veleni del dolore e della paura.
Sistema:
Il celebrante deve tirare Carisma + Ritualità (difficoltà pari a 8 meno il Rango del Garou da onorare).


Raduno per il Defunto (Livello Uno) [Werewolf: the Apocalypse, Rev.]
Questo rito viene celebrato in onore di chi è appena morto; viene solitamente messo in atto da un Galliard o da un compagno di branco del licantropo defunto. Questo rito varia in maniera drammatica da tribù a tribù. Ad esempio, un celebrante Fianna guida tutta le sept nel racconto di storie, sia roche che eroiche, riguardanti il Garou caduto. In contrasto sta il rito solenne dei Wendigo, in cui il celebrante e tutti i compagni di branco del caduto si fermano sul più alto picco disponibile, code al vento, e ululano il loro orgoglio e il loro cordoglio per aiutare il passaggio del loro compagno alla prossima vita. L'esatta forma che il rito assume non ha importanza, solo il riconoscimento ne ha.
Sistema:
Il celebrante guida il rilascio nel mondo spirituale delle emozioni combinate dei Garou. Gli Uktena dicono che tali emozioni hanno un reale impatto sull'Umbra e che aiutano a far sì che il Garou trapassato mantenga dei legami ai suoi parenti mortali. A discrezione del Narratore, questo rito rende lo spirito del defunto più facile contattare tramite il Background Antenati.

Ultima Benedizione (Livello Uno) [Edizione del Ventennale]
La semplice esistenza dei metis mette a rischio il Velo, in quanto essi nascono e muoiono in forma crinos. Questa benedizione viene impartita dal celebrante del rito ad un metis morente o appena defunto, permettendo che il cadevere assuma la forma che il metis amava di più, umano o lupo, senza destare più alcun sospetto. Molti metis hanno ricevuto tale benedizione con gioia, vedendo in questo atto un segno del perdono di Gaia.
Sistema:
Tiro standard. Il celebrante impone le mani sul metis e intona il Canto della Vera Forma, dopodichè spende un punto Gnosi e il corpo del metis assume permanentemente la forma homid o lupus. Questo rito deve essere celebrato entro un'ora dalla morte e non ha effetto su un metis vivo.


· Lesser Rite of Mourning (Livello Due) [Players Guide to the Garou]

· Rito dell'Ululato Echeggiante (Livello Due) [Book Of Auspices]
Rito dei Galliard.
Quando un grande eroe cade, certe volte il Raduno per il Defunto non è sufficiente. Alcune volte il luogo in cui il suo eroico sangue ha toccato il suolo necessita di un contrassegno, anche se risulta invisibile nel mondo materiale. In tali circostanze, un Garou può celebrare il Rito dell'Ululato Echeggiante. Mentre questo rito può essere celebrato con un branco o anche con un gruppo più grande, è spesso messo in atto da uno dei compagni di branco del licantropo caduto.
Il celebrante sta in piedi nell'esatto punto in cui l'eroe è caduto (anche se il Garou è stato portato via per poi morire in un altro luogo), e cammina descrivendo un piccolo cerchio, in senso antiorario. Passa quindi nell'Umbra e ulula tanto forte e tanto a lungo quanto più gli riesce. Se il rito ha successo, l'ululato riecheggerà per sempre, ricordando a chiunque entri nell'Umbra che un campione fu perso in quel punto.
Sistema:
Tiro standard. Se ha successo, chiunque sia in grado di percepire gli spiriti sente vagamente anche l'ululato nell'area, e chiunque entri effettivamente nell'Umbra sente lo sete come se il celebrante fosse ancora lì ad ululare. Se un Garou tentasse di celebrare questo rito per una ragione sbagliata (come per "marchiare" un'Area dell'Umbra) sicuramente perderebbe Onore, e il rito non funzionerebbe comunque.


· Rito del Lupo Invernale (Livello Tre) [Werewolf: the Apocalypse, Rev.]
Una volta che un Garou diventa troppo ferito o anziano per combattere con la sua tribù, egli celebra questo rito solenne e tetro. Dopo aver annunciato che si sottoporrà a questo rito, il licantropo si siede al centro di una riunione di suoi compagni di branco e di sept. Questa è una riunione gravosa e solenne, durante cui i Danzatori della Luna cantano inni alla vita ed alle gesta del celebrante, e invocano gli spiriti per la gloria nella sua prossima vita. Il celebrante si fa poi strada lentamente ed orgogliosamente attraverso gli stretti ranghi della tribù. Mentre supera la sua gente, questi iniziano ad ululare un canto funebre simile a quello che si canta nel Raduno per il Defunto. Alcuni Garou suonano gravi tamburi o malinconici flauti, mentre il celebrante si trascina in un luogo isolato dove pone termine alla sua vita, di solito con un klaive d'argento. Raramente, due licantropi, normalmente compagni di branco, potrebbero celebrare questo rito assieme, alcune volte uccidendosi l'un l'altro simultaneamente, anche se gli Ahroun potrebbero concedersi un'ultima battaglia, con il vincitore che pone termine alla sua vita al fianco dell'avversario caduto. Immediatamente dopo il suicidio, la sept celebra il Raduno per il Defunto.
I Cuccioli di Fenris e gli Artigli Rossi sono i più fermi sostenitori di questo rito, che è invece più unico che raro tra i Figli di Gaia, che apprezzano la conoscenza e l'esperienza dei loro anziani e dei loro feriti.
Sistema:
Questo rito viene celebrato sempre di notte, e richiede che almeno altri tre Garou siano presenti per riconoscere il solenne evento. L'arma usata dal Garou deve essere in argento, anche se non è necessario che sia un klaive.


· Greater Rite of Mourning (Livello Cinque) [Players Guide to the Garou]